Logo Università degli Studi di Milano



 
 
Notizie  

26-28 settembre 2019: X Seminario sulla scienza antica e la sua tradizione

Villa Feltrinelli

X Seminario sulla scienza antica e la sua tradizione

26-28 settembre 2019, Palazzo Feltrinelli, Gargnano del Garda, Italia

Il seminario ha lo scopo di favorire l’incontro degli studiosi italiani che si occupano di storia della scienza antica in Italia e all’estero. In sintonia con le precedenti edizioni, sempre organizzate dal Dipartimento di Filosofia dell'Università degli Studi di Milano, esso offrirà la possibilità di un proficuo scambio d’idee tra ricercatori appartenenti ad ambiti disciplinari diversi, e permetterà di fare il punto sulle indagini in corso in alcune delle istituzioni che li ospitano.

 

Programma

Giovedì 26 Settembre, ore 15.00

Jürgen RENN (Max-Planck-Institut für Wissenschaftsgeschichte)
Pietro Daniel Omodeo (Università degli Studi di Venezia)
Science in Court Society: Giovan Battista Benedetti’s Diversarum speculationum mathematicarum et physicarum liber (Turin, 1585).

Gianni MICHELI (Università degli Studi di Milano)
La specificità della cultura e della scienza greca.

Enrico GIANNETTO (Università degli Studi di Bergamo)
L'etica di Socrate, la dinamica di Leibniz e la fisica quantistica.

Elisabetta Cattanei (Università degli Studi di Genova)
La “matematica fantasma” delle “masse” (Platone, “Parm.” 164 d 1: “ogkoi”).

Ferruccio FRANCO REPELLINI (Università degli Studi di Milano)
Istruzioni sul cielo.

Venerdì 27 Settembre, ore 9.15

Flavia MARCACCI (Pontificia Università Lateranense)
Modali e controfattuali: ragionamenti antichi tra Parmenide e Melisso.

Giulia ECCA (Humboldt-Universität zu Berlin)
Le ventose nella medicina greco-romana: fonti letterarie, iconografiche e archeologiche.

Matteo Valleriani (Max-Planck-Institut für Wissenschaftsgeschichte)
La meccanica del cuore.

Matteo MARTELLI (Università degli Studi di Bologna)
Prisca alchymia restituta? Repliche di ricette alchemiche greco-egiziane.

Marco BERETTA (Università degli Studi di Bologna)
Cosa resta dell'Antichità classica nella chimica del Settecento?

Venerdì 27 Settembre, ore 14.45

Veronica GAVAGNA (Università degli Studi di Firenze)
L'Euclide di Tartaglia e le sue fonti: "le due tradottioni".

Pierdaniele NAPOLITANI-Beatrice SISANA (Università degli Studi di Pisa)
Maurolico e Archimede.

Niccolò GUICCIARDINI (Università degli Studi di Milano)
Anacronismi e anacorismi nella storia della matematica: sulla interpretazione storica dei testi matematici del passatoe di altre culture.

Massimo GALUZZI (Università degli Studi di Milano)
Il Quinto Libro delle Coniche di Apollonio: interpretazioni e controversie.

Sebastien MARONNE (Université Toulouse III - Paul Sabatier)
Marginalia matematiche o come leggere e scrivere la geometria. Su un esemplare annotato de la Géométrie di Cartesio.

Sabato 28 Settembre, ore 9.15

Antonio BECCHI (Max-Planck-Institut für Wissenschaftsgeschichte)
All’origine di un’idea:"Il paroit être le premier qui ait étendu la théorie du levier d’Archimède...".

Fabio Minazzi (Università dell’Insubria)
L’Archimede diGalileo.

Giulia Giannini (Università degli Studi di Milano)
Un caso di studio: L’Accademia del Cimento a Firenze e l’interpretazione dei fenomeni naturali nella fase di transizione fra aristotelismo, scolastica, censura e nuova filosofia naturale.

Oreste TRABUCCO (Università degli Studi di Bergamo)
Iatrophilologia. Gabriel Naudé nella respublica medica seicentesca.

Ivan Giuseppe MALARA (Università degli Studi di Milano-Ghent University)
Appunti per una storia della gravità. Dall'antichità al tardo Rinascimento.

28 settembre 2019
Torna ad inizio pagina