Logo Università degli Studi di Milano



 
 

Giordanetti - 2016-2017 - II semestre  

DENOMINAZIONE DEL LABORATORIO: “La libertà di coscienza nei secoli XVI –XVII: un’antologia di discorsi

DOCENTE PROPONENTE: prof. Piero Giordanetti

DOCENTE TITOLARE: dott.ssa Francesca Rebasti

ANNO ACCADEMICO: 2016-2017

SEMESTRE: II

 

DESCRIZIONE ARGOMENTO: 

Il laboratorio intende esplorare la genesi, la struttura argomentativa e l’evoluzione di alcuni dei più celebri discorsi sulla libertà di coscienza formulati tra il XVI e il XVII secolo, secondo il seguente programma:

1) Chiarificazioni terminologiche preliminari: le nozioni di “coscienza”, “libertà di coscienza” e “tolleranza” nel loro sviluppo storico. I presupposti storico-concettuali dei discorsi sulla libertà di coscienza. Strumenti di analisi per la lettura seminariale.

TESTI DI RIFERIMENTO:
I. Bejczy, Tolerantia: A Medieval Concept, «Journal of the History of Ideas», 58, 3, 1997, pp. 365-384.
J. Lecler, Liberté de conscience: origine et sens divers de l’expression, «Recherche de science religieuse», 54, 1966, pp. 370-406.

2) Alle origini dei discorsi sulla libertà di coscienza: Tommaso d’Aquino e i diritti della coscienza erronea. 

TESTI DI RIFERIMENTO:
T. d’Aquino, Le Questioni disputate. Testo Latino dell’edizione Leonina e traduzione italiana, ii, a cura di Roberto Cocci O. P., Bologna, esd, 1992, quæstiones 16 e 17.
T. d’Aquino, La Somma teologica. Traduzione e commento a cura dei domenicani italiani, testo latino dell’edizione Leonina, v, Bologna, esd, 1984, quæstio 79, articuli 12 e 13.
O. Lottin, Psychologie et morale aux XIIe et XIIe siècles, ii, Louvain-Gembloux, 1942.

3) La libertà di coscienza nei discorsi dei Riformatori: Calvino e l’Institutio Christianæ religionis. Parte prima: la libertà cristiana.

TESTI DI RIFERIMENTO:

G. Calvino, Institutio Christianæ religionis, ii, a cura di August Tholuck, Berlino, Gustav Eichler, 1834, lib. iii,  cap. 19 e lib. iv,  cap. 10.

G. Calvino, Istituzione della religione cristiana, a cura di Giorgio Tourn, Milano, Mondadori, 2009.

4) La libertà di coscienza nei discorsi dei Riformatori: Calvino e l’Institutio Christianæ religionis. Parte seconda: la politica.

TESTI DI RIFERIMENTO:

G. Calvino, Institutio Christianæ religionis, ii, a cura di August Tholuck, Berlino, Gustav Eichler, 1834, lib. iv,  cap. 20.

G. Calvino, Istituzione della religione cristiana, a cura di Giorgio Tourn, Milano, Mondadori, 2009.

5) L’avvento della nozione moderna di libertà di coscienza e i suoi limiti: Castellion e Montaigne.

TESTI DI RIFERIMENTO:

S. Castellion, Conseil à la France désolée, a cura di Marius F. Valkhoff, Genève, Droz, 1967.

S. Castellion, Consiglio alla Francia desolata, in Maria d’Arienzo, La libertà di coscienza nel pensiero di Sébastien Castellion, Torino, Giappichelli Editore, 2008.

M. E. de Montaigne, Saggi, a cura di Fausta Garavini e André Tournon, con testo francese a fronte, Milano, Bompiani, 2012, lib. ii,  capp. 5 e 19.

6) Thomas Hobbes e la critica alla libertà di coscienza. Parte prima: la coscienza erronea come malattia mortale del corpo politico.  

TESTI DI RIFERIMENTO:

T. Hobbes, Elementi di legge naturale e politica, a cura di Arrigo Pacchi, Firenze, La nuova Italia, 1968, parte ii,  cap. 8.12-15.

T. Hobbes, Elementi filosofici sul cittadino, in Opere politiche di Thomas Hobbes, i, a cura di Norberto Bobbio, Torino, utet, 1959, parte ii,  cap. 12.13.

T. Hobbes, Leviathan, a cura di Noel Malcolm, Oxford, Clarendon Press, 2012 («The Clarendon Edition of the Works of Thomas Hobbes», 4), parte ii,  cap. 29 e parte iv (selezione).

T. Hobbes, Opera philosophica quae latine scripsit omnia, ii, a cura diWilliam Molesworth, Bohn, Londra, 1839-1845.

T. Hobbes, The English Works, iv, a cura diWilliam Molesworth, Bohn, Londra, 1829-1845, rist. anastatica Aalen, Scientia Verlag, 1961-1962.

7)      Thomas Hobbes e la critica alla libertà di coscienza. Parte seconda: la rifondazione della coscienza morale.

TESTI DI RIFERIMENTO:

T. Hobbes, Leviathan, a cura di Noel Malcolm, Oxford, Clarendon Press, 2012 («The Clarendon Edition of the Works of Thomas Hobbes», 4), parte i, cap. 7 e parte iii, cap. 42 (selezione).

8)      John Locke e la “tolleranza”: la neutralizzazione politica della religione. Parte prima: l’intolleranza del giovane Locke teorico dell’assolutismo.

TESTI DI RIFERIMENTO:

J. Locke, Second Tract on Government, in Idem, Political Essays, a cura di Mark Goldie, Cambridge, cup, 1997.

___, Secondo trattato sul governo, in Idem, Due trattati sul governo e altri scritti politici, a cura di Luigi Pareyson, Torino, utet, 1982.

9)      John Locke e la “tolleranza”: la neutralizzazione politica della religione. Parte seconda: la giustificazione della libertà religiosa.

TESTI DI RIFERIMENTO:

J. Locke, Lettera sulla tolleranza: testo latino e versione italiana di Lia Formigari, premessa di Raymond Klibansky, introduzione di Ernesto de Marchi, Firenze, La nuova Italia, 1961.

10)   Approfondimenti: relazioni dei partecipanti.

 

TESTI DI RIFERIMENTO:

Dispense fornite dal docente.

 

MODALITÀ DI SVOLGIMENTO (RELAZIONE SCRITTA ECC.):

Dopo i primi due incontri di carattere introduttivo, i partecipanti saranno invitati a guidare la lettura dei testi seminariali e a presentare approfondimenti in forma orale o scritta.

 

DATA DI INIZIO: venerdì 17 febbraio 2017, ore 12.30.

 

RICEVIMENTO: su appuntamento (francesca.rebasti@gmail.com), al termine delle lezioni.

Torna ad inizio pagina